the book list #9

vertigo-book-row

Non ve l’aspettavate più, eh? Dopo tanto tempo, la lista dei libri scelti fra quelli degli ultimi mesi (mentre sto leggendo Freedom di Jonathan Franzen!)/After along time, a choice of books from those I’ve been reading in the last few months (while I’m reading the new Jonathan Franzen, Freedom!)

Colum McCann, “Questo bacia vada al mondo intero”/“Let the great world spin” – un romanzo su New York di gigantesca potenza. Struttura ad incastro, tutti i personaggi si muovono all’ombra della traversata del funambolo francese Philippe Petit che tese un filo tra le Torri Gemelle nell’agosto del 1974/Incredibly powerful New York novel, jigsaw structure, all characters move in the shadow of funambolist Philippe Petit stretching a cable between the Twin Towers in August 1974.

Luigi Ghirri, “Lezioni di fotografia” – le lezioni del maestro agli studenti di fotografia di Reggio Emilia/the master’s lessons to his students of photography in Reggio Emilia

John Curran, non tradotto/“Agatha Christie’s secret notebooks” – Curran ha avuto accesso alle centinaia di quaderni di scuola su cui Agatha Christie prendeva appunti per inventare i suoi gialli. Per appassionati/Curran had access to the hundreds of school notebooks where Agatha Christie took notes to create her books – for maniacs.

Martin Stannard, non tradotto/“Muriel Spark – the biography” – un lavoro impressionante sulla vita della scomparsa, misteriosa scrittrice/stunning work about the life of the late mysterious writer

Jabbour Douaihy, “Pioggia di giugno” – scrittore libanese, una voce incredibile, il primo capitolo è un capolavoro/Lebanon writer, incredible voice, the first chapter is a masterpiece

Maurizio Giammusso, “Vita di Eduardo” – biografia di De Filippo e di un mondo quasi perduto/a biography of Eduardo De Filippo and the story of world that is almost gone.

David Nicholls, “Un giorno”/“One day” - romanzo dalla struttura stupenda (la stessa giornata ogni anno nel corso di tutta la vita di due personaggi che si amano senza stare insieme), quando sono giovani pessimi dialoghi da sit-com, poi la storia cresce e diventa molto coinvolgente/great structure (the same day every year for the life of two characters), very bad tv dialogues when the’yre young, then the story grows and becomes gripping

Paolo Sorrentino, “Hanno tutti ragione” - per me, il miglior romanzo in italiano di quest’anno, dal regista de Il Divo – denti molto, molto affilati e un vero umanista/best Italian novel of the year, from the director of Il Divo – very very sharp teeth and real humanist/

John Muir, “La mia prima estate sulla Sierra“/“My first summer in the Sierra” – la prima esplorazione sul posto del grande camminatore, naturalista e scrittore  che ha contribuito a far nascere il parco di Yosemite, (tradotto splendidamente)/the first on the spot exploration of the great trekker, naturalist and writer who contributed to the creation of Yosemite national park

Iain Sinclair, “London Orbital”/“London Orbital” - l’instancabile flaneur contemporaneo dei non-luoghi al suo meglio/the tireless contemporary flaneur of non-places at his best

Patti Smith, “Just kids”/“Just kids” - l’arte, la New York degli anni Settanta, un grido d’amore per l’anima gemella Robert Mapplethorpe, lei avviata verso il rock’n’roll, lui verso la fotografia – mi ha spezzato il cuore/art, 70”s New York, a cry of love for the twin soul Robert Mapplethorpe, she on her way to rock’nroll, he on his way to photography – heartbreaking

Jonathan Lethem, “Chronic City”/“Chronic City” - un intero romanzo newyorchese su un personaggio noto dai racconti di Lethem, il critico rock Perkus Tooth – quasi illeggibile eppure l’ho amato/an entire NY novel about one well known  character from Lethem’s short stories, the rock critic Perkus Tooth – almost unreadable but I loved it

Joseph Campbell, non tradotto/“The hero’s journey” – un’intervista/documentario al grande antropologo che ha lavorato sui miti comuni dell’umanità/a life interview with the great anthropologist ho worked on common human myths

Jonathan Coe, “I terribili segreti di Maxwell Sim”/“The terrible privacy of Maxwell Sim” – l’ultimo romanzo di Coe: ottime idee, risultato magro, didascalico/Coe’s latest novel: great ideas, poor result, didascalic